Aggiornamento ” Storia della Sezione”

In sezione/la storia – aggiornata al 2018

Image00001Image00004

Storia sezione anno 2018

Riguardando la storia della sezione negli ultimi anni è stato scritto che sono stati anni ricchi di avvenimenti e manifestazioni e per il 2018 dobbiamo dire che è stato ancora, se possibile,  più ricco e con più soddisfazioni.

Abbiamo iniziato a Febbraio a Vigevano con la proclamazione a Beato della nostra Medaglia d’Oro Teresio Olivelli.

A marzo a Trieste, durante il CISA, il nostro “Baradèll” ha ottenuto il 1° premio della Stampa alpina. (Redazione Editore Enrico Gaffuri, Direttore Piergiorgio Pedretti, Capo Redattore Tiziano Tavecchio, Redazione Enrico Bianchi, Mario Ghielmetti, Carlo Pedraglio).

Nel mese di Maggio è stata inaugurata la  stalla di Visso, realizzata dal consorzio della nostra sezione con quelle di Lecco, Monza, Valtellinese e dalla sede Nazionale e da un grosso contributo dell’Associazione Nova Caritas di Appiano Gentile.

Il nostro socio, Davide Dinale, del gruppo di Bulgarograsso si è classificato al primo posto nella gara nazionale di Mountain Bike.

La squadra di tiro si è aggiudicata per l’ennesima volta il trofeo “Albisetti”.

I gruppi hanno continuato il lavoro con le scolaresche con incontri e passeggiate. I gruppi consociati  di Bizzarone, Ronago e Uggiate hanno organizzato per il quinto anno un campo di due giorni con i ragazzi delle scuole medie. Il gruppo di Olgiate ha organizzato un mini campo con diversi ragazzi. La sezione ha riproposto la collaborazione con la scuola Venini con  il “Premio Ostinelli”. Anche quest’anno abbiamo portato a visitare le trincee della Linea Cadorna gli studenti della scuola militare “Teuliè” di Milano.

Nonostante i decessi che purtroppo sono sempre più numerosi, il numero dei soci è rimasto quasi invariato grazie al lavoro dei capigruppo che si danno da fare con il recupero degli alpini dormienti.

Il nostro socio, il consigliere sezionale e cerimoniere, Tiziano Tavecchio, ha vinto il concorso per il manifesto dell’Adunata Nazionale del Centenario a Milano ed è stato inserito nel team degli speakers ufficiali delle Adunate Nazionali.

E’ stata riproposta per la terza volta la campagna “Il panettone degli alpini”. L’impegno e volontà  di tutti gli alpini hanno portato  ad un grande successo, tanto che non siamo riusciti ad accontentare tutte le richieste.  Una grande fetta della riuscita della campagna è dovuta anche alla bellezza della confezione proposta, studiata da un gruppo di lavoro di Mariano Comense. La confezione era una latta, come gli anni scorsi, tutta bianca , a ricordo della neve di Russia, con la stampa della dichiarazione della Vittoria del 4 novembre 1918 da un lato, sull’altro lato diversi motti degli alpini e la” chicca” sul coperchio; un’impronta di uno scarpone “nella neve di Russia” e una piastrina di riconoscimento.

Però l’avvenimento più importante è stato il Raduno del 2° raggruppamento a Mariano Comense nel mese di Ottobre. A causa delle norme vigenti il lavoro è stato molto impegnativo, pari però alle soddisfazioni ottenute. Più di 12.000 alpini (220 bus) e la popolazione di Mariano hanno partecipato alla sfilata di domenica. La commissione di lavoro era composta da: il Presidente Enrico Gaffuri, i Vice Presidenti Enrico Bianchi e Silvano Miglioretto, i consiglieri Pietro Dassiè, Mario Ghielmetti, Emanuele Roncoroni, Massimo Roncoroni, Damiano Ronzoni e Gianni Sironi,  il Capogruppo di Mariano Sergio Radice e il Segretario di Mariano Marco Colombo.

Image00006Image00007